PERCHÉ SCEGLIERE UNA CUCINA COMPONIBILE: 5 VANTAGGI TOP

Meglio una cucina artigianale o componibile?
Per rispondere a questa domanda, bisogna partire dalla definizione.
Per cucina componibile si intende un insieme composto da più elementi (mobili, cassettiere, piano di lavoro, colonne, ante, elettrodomestici ad incasso etc.), anche indipendenti, di cui può essere cambiata la collocazione e disposizione, a seconda delle esigenze e disponibilità di spazio dell’ambiente che andranno ad arredare.
A differenza dei modelli artigianali, realizzati su misura, le cucine componibili sono prodotte a livello industriale, in serie, con misure e caratteristiche standard.
Quindi, perché scegliere questo tipo di cucina? Vediamo insieme i fattori e le circostanze che rendono tale decisione ideale e conveniente.
PERCHÉ SCEGLIERE UNA CUCINA COMPONIBILE: 5 VANTAGGI TOP
Prima di valutare un modello di cucina piuttosto che un altro, è opportuno porsi una serie di domande:
Qual è il mio budget?
Quali sono le mie esigenze?
E lo spazio a disposizione?
Ho già in mente uno stile in particolare?
In quanto tempo ho bisogno di avere una cucina completa e funzionante?
Sono in grado di montarla da solo?

La risposta a tali quesiti aiuterà ad orientarvi fin da subito verso la soluzione più adatta alle vostre necessità e successivamente a compiere la scelta finale.

  1. Convenienza
    Le cucine componibili hanno generalmente un prezzo inferiore rispetto ai modelli artigianali realizzati su misura.
    I costi sono più contenuti poiché viene meno il percorso di progettazione individuale che invece caratterizza un modello realizzato ad hoc e personalizzato in ogni dettaglio.
    Si tratta, quindi, di una soluzione preferibile laddove il budget a disposizione sia ridotto, senza per questo dover rinunciare a design, funzionalità ed estetica. Ciascun modello è di marca, realizzato da architetti e interior designer di fama internazionale, seguendo mode e trend del momento.
    È quindi possibile scegliere tra innumerevoli brand, moderni e accattivanti, disponibili in diversi materiali e tonalità cromatiche.
  2. Tempi di consegna inferiori
    Dal momento che si tratta di modelli prodotti in serie e spesso esposti in showroom, i tempi di consegna sono molto rapidi. Alcuni prototipi sono già pronti in magazzino, mentre in caso di soluzioni più complesse o richieste di personalizzazioni avanzate, la fornitura avviene in massimo 60 giorni.
    Spesso i modelli esposti possono essere visionati e toccati con mano: un’ottima opportunità per verificare qualità e design prima dell’acquisto.
  3. Libertà di composizione
    In una cucina componibile, i singoli elementi possono essere scelti e posizionati a piacere, adattandoli al gusto e alle esigenze di spazio individuali.
    Ciò consente di sfruttare in modo ottimale gli spazi, anche se ridotti, soprattutto in altezza, tramite il ricorso a colonne frigo, pensili a ribalta o elettrodomestici ad incasso. Le cucine componibili permettono di posizionare ciascun mobile in base agli attacchi elettrici e agli scarichi idraulici precedentemente predisposti, senza doverli spostare (o essere altrimenti costretti a ricollocare i moduli in una posizione che non piace).
    La parola d’ordine è comodità: ogni elemento di arredo è progettato (e disposto nello spazio) per essere funzionale e pratico.
    Le cucine componibili sono composte da moduli liberamente posizionabili, così da personalizzare a piacere l’ambiente anche grazie alla varietà di finiture, materiali e cromie.
  4. Velocità di montaggio
    Sei un imbranato anche nel montare una semplice lampadina? Nessun problema.
    Ciascun modello di cucina componibile è progettato per essere montato in autonomia, anche dai meno esperti.
    Ciascun esemplare viene consegnato con allacci e collegamenti meccanici già predisposti, facilitando le operazioni di installazione, soprattutto se si ha necessità di disporre della cucina in tempi ristretti.
  5. Attenta selezione di colori (e materiali)
    Lo stile delle cucine componibili è essenziale, i colori chiari, neutri (come il bianco o il grigio chiaro). Tonalità che difficilmente passano di moda e che a lungo andare non stancano.
    Se inseriti in un ambiente ben illuminato, i colori contribuiscono anche a trasmettere capacità e volume, valorizzando anche gli ambienti più ristretti.
    I materiali e le superfici sono progettati per durare, semplificando le fasi di preparazione e cottura degli alimenti in ogni fase, senza dimenticare le operazioni di pulizia.
    Proprio per questo motivo le soluzioni proposte possiedono proprietà idrorepellenti e antigraffio, così da soddisfare le normali esigenze di funzionalità, praticità e comfort che si richiedono a tale tipo di ambiente.
    Un esempio? Il quarzo, uno dei materiali più usati per la realizzazione dei piani di lavoro. Massiccio, resistente ad olii e acidi domestici, il quarzo è semplice da pulire ed estremamente fine allo sguardo. Le alternative sono il top in pietra lavica (anch’esso impermeabile a macchie, calore e graffi) o in cemento (più economico).

Progettate per durare nel tempo, le cucine componibili sono veri e propri gioielli di design, accessibili anche ai budget più contenuti (a meno che le disponibilità di spazio non costringano alla ricerca di soluzioni personalizzate o il gusto particolarmente sofisticato non induca alla scelta di modelli artigianali, senza badare a spese).
La soluzione ideale per chi desidera una cucina moderna e di tendenza, in tempi brevi, soprattutto, in caso di affitto o di cambio casa.